Gestione dell'ambiente e del Territorio

Articolazione “Gestione dell’ambiente e del territorio”

 

DISCIPLINE

1° Biennio 2° Biennio  

Ore sett.

Teoria

Ore sett.

Lab.

Ore sett.

Teoria

Ore sett.

Lab.

Ore sett.

Teoria

Ore sett.

Lab.

Ore sett.

Teoria

Ore sett.

Lab.

Ore sett.

Teoria .

Ore sett.

Lab.

Lingua e letteratura italiana   4   4   4   4   4  
Lingua inglese   3   3   3   3   3  
Storia, Cittadinanza e Costituzione   2   2   2   2   2  
Matematica   4   4   3   3   3  
Diritto ed economia   2   2  
Scienze integrate Scienze della Terra e Biologia   2   2  
Fisica   3   1   3 1  
Chimica   3   1   3 1  
Scienze motorie e sportive   2   2   2   2   2  
Religione Cattolica o attività alternative   1   1   1   1   1  
Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica   3   1   3 1  
Tecnologie informatiche   3   2  
Geografia   1  
Scienze e tecnologie applicate*   3  
Tot. Ore settimanali   33   5   32   3  
Complementi di matematica           1     1      
Produzioni animali           3     3     2  
Produzioni vegetali           5   2   4   2   4   2
Trasformazione dei prodotti           2   2   2   2   2   2
Genio rurale           2   2   2   2   2   2
Economia, estimo, marketing e legislazione           2   1   3   2   3   2
Gestione dell’ambiente e del territorio                   4   2
Biotecnologie agrarie           2   1   2   1    
 Tot. Ore settimanali   32   8   32   9   32   10

Orario settimanale (33 ore in primo – 32 ore dal secondo al quinto)

In giallo sono indicate le ore di laboratorio
Nel Secondo Biennio + il quinto anno le ore di laboratorio settimanali sono complessivamente n°27

* L’insegnamento denominato “Scienze e tecnologie applicate”, compreso fra gli insegnamenti di indirizzo del primo biennio,

è riferito alle competenze relative alle discipline di indirizzo del secondo biennio e quinto anno.

** L’attività didattica di laboratorio caratterizza gli insegnamenti dell’area di indirizzo dei percorsi degli istituti tecnici; le ore indicate in giallo sono riferite alle attività di laboratorio che prevedono la compresenza degli insegnanti tecnico-pratici.

*** I risultati di apprendimento della disciplina denominata “Scienze e tecnologie applicate”, compresa fra gli insegnamenti di indirizzo del primo biennio, si riferiscono all’insegnamento che caratterizza, per il maggior numero di ore, il successivo

triennio.  

       

indirizzo “Gestione dell'ambiente e del Territorio”

    Profilo

             Il Diplomato in “Gestione dell’Ambiente e del Territorio”:

  • ha competenze nel campo dell’organizzazione e della gestione delle attività produttive, trasformative e valorizzative del settore, con attenzione alla qualità dei prodotti ed al rispetto dell’ambiente;
  • interviene, altresì, in aspetti relativi alla gestione del territorio, con specifico riguardo agli equilibri ambientali e a quelli idrogeologici e paesaggistici.

                       E’   in grado di:

  • collaborare alla realizzazione di processi produttivi ecosostenibili, vegetali e animali, applicando i risultati delle ricerche più avanzate;
    • controllare la qualità delle produzioni sotto il profilo fisico-chimico, igienico ed organolettico;
  • individuare esigenze locali per il miglioramento dell’ambiente mediante controlli con opportuni indicatori e intervenire nella protezione dei suoli e delle strutture paesaggistiche, a sostegno degli insediamenti e della vita rurale;
  • intervenire nel settore della trasformazione dei prodotti attivando processi tecnologici e biotecnologici per ottenere qualità ed economicità dei risultati e gestire, inoltre, il corretto smaltimento e riutilizzazione dei reflui e dei residui;
  • controllare con i metodi contabili ed economici le predette attività, redigendo documenti contabili, preventivi e consuntivi, rilevando indici di efficienza ed emettendo giudizi di convenienza;
    • esprimere giudizi di valore su beni, diritti e servizi;
  • effettuare operazioni catastali di rilievo e di conservazione; interpretare carte tematiche e collaborare in attività di gestione del territorio;
    • rilevare condizioni di disagio ambientale e progettare interventi a protezione delle zone di rischio;
  • collaborare nella gestione delle attività di promozione e commercializzazione dei prodotti agrari ed agroindustriali;
    • collaborare nella pianificazione delle attività aziendali facilitando riscontri di trasparenza e tracciabilità.

      A conclusione del percorso quinquennale, il Diplomato nell’indirizzo “Agraria, Agroalimentare e Agroindustria” consegue le seguenti competenze:

  1. Identificare e descrivere le caratteristiche significative dei contesti ambientali.
  2. Organizzare attività produttive ecocompatibili.
  3. Gestire attività produttive e trasformative, valorizzando gli aspetti qualitativi dei prodotti e assicurando tracciabilità e sicurezza.
  4. Rilevare contabilmente i capitali aziendali e la loro variazione nel corso degli esercizi produttivi; riscontrare i risultati attraverso bilanci aziendali ed indici di efficienza.
  5. Elaborare stime di valore, relazioni di analisi costi-benefici e di valutazione di impatto ambientale.
  6. Interpretare ed applicare le normative comunitarie, nazionali e regionali, relative alle attività agricole integrate.
  7. Intervenire nel rilievo topografico e nelle interpretazioni dei documenti riguardanti le situazioni ambientali e territoriali.
  8. Realizzare attività promozionali per la valorizzazione dei prodotti agroalimentari collegati alle caratteristiche territoriali, nonché della qualità dell’ambiente.                                                                      

              Nell'articolazione "Gestione dell'ambiente e del territorio" il Diplomato avrà maggiori competenze rispetto a:

  • conservazione e tutela del patrimonio ambientale
  • operazioni connesse all'estimo e al genio rurale

 

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Questo sito usa cookie tecnici  e analitici, anche di terze parti.  Cliccando su ACCETTA acconsenti all'utilizzo dei cookie da parte nostra.